Luce germicida: nuovi strumenti nella guerra ai patogeni della ristorazione| Seminario web

Un gruppo di esperti valuta quali strumenti sono disponibili per garantire che una struttura sia al sicuro da agenti patogeni pericolosi

Immagine fornita da iStock.

Con la riapertura dei ristoranti, i proprietari devono assicurare agli ospiti che i locali sono al sicuro dagli agenti patogeni, date le continue preoccupazioni sulla sicurezza negli spazi pubblici.

Quali strumenti sono disponibili per garantire che una struttura sia al sicuro da agenti patogeni pericolosi? I ristoranti possono proteggere la salute e la sicurezza dei clienti e del personale che pranzano di persona e allo stesso tempo migliorano le operazioni complessive sfruttando le ultime tendenze e le tecnologie integrate?

Un gruppo di esperti ha valutato queste domande durante un webinar FastCasual, “Tendenze emergenti nella salute dei ristoranti”, sponsorizzato da Powerhouse Dynamics. Elliot Maras, editore di Kiosk Marketplace e Vending Times, è stato moderatore.

Scott Heim

“C’è una nuova arena di guerra batteriologica, e questo è lo spazio interno”, ha detto il relatore Scott Heim, presidente della divisione, Middleby Ventless Cooking Solutions, dando il via all’evento gratuito di un’ora. “È dove mangiamo, ci incontriamo e salutiamo.”

Ha esaminato i motivi per cui i ristoranti devono disinfettare l’aria interna citando alcune recenti statistiche del settore.

  • L’attività di ristorazione per i ristoranti è scesa al 71% nel 2020 e al 47% nel 2021 a causa dei blocchi e delle preoccupazioni relative al COVID.
  • Tre quarti degli adulti si sentono a proprio agio a mangiare fuori dopo il peggio del COVID, ma sulla scia del COVID i ristoranti devono garantire agli ospiti abituali una cena sicura.

Come vengono trasmessi i virus

Nel formulare una strategia sanitaria di successo, è necessario considerare come vengono trasmessi i virus.

Le persone vengono contaminate quando respirano goccioline di piccole particelle sospese nell’aria contenenti il ​​virus o quando le particelle si depositano sugli occhi, sul naso o sulla bocca o toccando quelle aree con le mani che hanno il virus su di esse.

“Non sono solo le superfici; sono le piccole goccioline aerosolizzate; questo è ciò che rende la crisi del COVID e la trasmissione del COVID così insidiose”, ha detto Heim. “Si accumulano nell’aria e non si depositano necessariamente in superficie”.

Le maschere sono brave a catturare grandi goccioline, ha osservato, ma non quelle piccole in aerosol.

Bluezone raccoglie la sfida

Middleby Bluezone ha affrontato per la prima volta la sfida di fornire frutta e verdura fresca ai soldati statunitensi in Iraq e Afghanistan 10 anni fa. Il modello Bluezone 2400 è stato riposto nei container di spedizione e ha distrutto muffe e batteri.

“È più difficile uccidere muffe e batteri che un virus”, ha detto Heim.

Il trattamento UV può distruggere il 99,9% di muffe, batteri e gas etilene e aumentare la durata di conservazione degli alimenti da sette a 10 giorni.

Quando il COVID ha colpito, il team di Bluezone ha sviluppato una “kill box” con la luce germicida UV-C per distruggere il virus.

Middleby ha collaborato con il Culinary Institute of America, che ha esplorato le apparecchiature di filtrazione e di ionizzazione per rendere più sicure le posizioni del campus della CIA.

Luce germicida UV-C

Un’arma chiave nell’arsenale Bluezone era il dispositivo Modello 450 che ha quattro lampadine germicide UV-C in grado di trattare fino a 9.000 piedi cubi.

“Mentre estrai l’aria potenzialmente contaminata nel sistema HVAC, sei in grado di contenere virus, muffe e batteri, in quell’unità reale”, ha detto Heim. “Attira aria potenzialmente contaminante nella scatola stessa alla velocità di 150 piedi cubi al minuto; questo è ciò che ci consente di purificare i 9.000 piedi cubi di spazio”.

David Behnke

La CIA ha installato 116 unità Bluezone nelle sue quattro sedi, ha affermato il relatore David Behnke, vicedirettore delle strutture della CIA. Questi includevano unità a soffitto, unità in stile piedistallo e unità a parete.

La testimonianza di queste unità in loco ha portato un nuovo livello di comfort di sicurezza alle persone in loco, ha affermato Behnke.

“Quello che abbiamo scoperto è che sempre più persone vogliono sapere che c’è un’unità nello spazio che pulisce l’aria, che aggiunge strati di protezione”, ha detto Heim.

I prodotti a inserimento come ionizzatori, gas e prodotti chimici offrono ionizzazione e puliscono l’aria, ha affermato Heim, ma non devono essere utilizzati durante il normale orario lavorativo.

La luce germicida UV-C, invece, può distruggere l’RNA del virus.

“È stata un’installazione molto veloce ed è stato praticamente come una notte in cui siamo passati dal non avere quella protezione all’averla implementata”, ha detto Behnke. “Ha appena aggiunto un ulteriore livello di comfort.”

Manutenzione dell’infrastruttura chiave

Powerhouse Dynamics, che rende la cucina aperta e la piattaforma di gestione dell’IoT, ha assicurato che l’infrastruttura attorno al trattamento igienico-sanitario funzionasse correttamente, ha affermato Jay Fiske, presidente di Powerhouse Dynamics.

Jay Fiske

Fiske ha affermato che è importante assicurarsi che i sistemi HVAC della struttura funzionino correttamente.

“Vuoi ridurre al minimo le modifiche all’infrastruttura”, ha affermato Fiske.

Oltre all’aspetto biologico dei servizi igienico-sanitari, ce n’è uno psicologico, ha detto.

“Costruisci consapevolezza in modo che le persone capiscano che stanno entrando in uno spazio in cui sono in atto sforzi di mitigazione che includono la purificazione dell’aria”, ha detto Fiske.

È necessario pulire le superfici e misurare le temperature e assicurarsi che le infrastrutture esistenti (sistemi HVAC) funzionino come previsto.

Fiske ha raccomandato di assicurarsi che i ventilatori siano in funzione per portare aria fresca nello spazio, mantenendo temperature confortevoli per il personale e gli ospiti e spegnendo i sistemi durante i periodi non occupati.

Ha anche raccomandato di digitalizzare quelli che in precedenza erano processi cartacei. La digitalizzazione dei processi consente di confrontare le attività in tutte le località.

“Puoi identificare in modo proattivo quando la tua attrezzatura non funziona correttamente”, ha detto Fiske.

Assicurare i dipendenti sul posto di lavoro

La CIA ha utilizzato gli spazi sanificati come vetrina quando i dipendenti sono tornati al lavoro a tempo pieno, ha affermato Behnke.

“Avere attrezzature come questa ti dà sicurezza sul fatto che stai igienizzando attivamente lo spazio”, ha detto.

Come meccanismo di sicurezza, “Se l’unità fosse aperta, l’unità si spegnerebbe da sola”, ha detto Heim, aggiungendo che i laboratori dell’esercito americano a Natick, nel Massachusetts, hanno testato le unità di conservazione degli alimenti che utilizzano la luce UV.

“Queste sono unità perfettamente sicure per funzionare 24 ore al giorno sette giorni alla settimana”, ha detto Heim. “Le soluzioni esistono oggi.”

Clicca qui per guardare il webinar.

.

Leave a Comment