Square Pie Guys porta la pizza in stile Detroit a San Francisco

I tre unità Square Pie Guys hanno aperto due unità durante una pandemia e i clienti continuano ad arrivare. Scopri come la pizza in stile Detroit renda il concetto straordinario in una scena culinaria affollata.

Foto di Melati Citrawireja. Fornito.

A volte, un concetto funziona dall’inizio. Questo è stato il caso di Square Pie Guys, con sede in California, che è iniziato come pop-up in un wine bar di San Francisco nel 2018 dal fondatore Mark Schechter. Schechter iniziò a giocare con la pizza in stile Detroit, e “Ho appena avuto la sensazione che sarebbe stato il prossimo stile di pizza popolare”, ha detto, “perché tutte le pizzerie di San Francisco fanno un 12- o 14- molto simile pizza tonda da un pollice in un forno a piani. Nessuno stava davvero facendo una pizza in padella quadrata. “

Square Pie Guys ha fatto il tutto esaurito la seconda notte in cui erano in affari e la domanda è cresciuta. Un DJ della radio locale ha promosso il marchio in onda e un famoso influencer di videogiochi ha twittato della sua esperienza al pop-up. Quel tipo di marketing di base non ha prezzo per un ristorante alle prime armi.

Schechter ha affermato di aver sempre pianificato di realizzare un concetto scalabile, quindi nel 2019 lui e il partner Danny Stoller hanno iniziato a cercare contratti di locazione e hanno trovato una sede nel centro di San Francisco.

Oggi Square Pie Guys ha tre sedi, tutte di proprietà di Stoller e Schechter. La coppia sapeva di voler aprire più sedi fin dall’inizio, quindi ha assunto manager per aiutare a gestire i negozi in modo da crescere rapidamente.

“Siamo stati piuttosto intenzionali”, ha detto Schechter. “Avevamo una forte indicazione che le app di distribuzione di terze parti sarebbero state effettivamente nostre alleate e sarebbero state un meccanismo molto importante per noi per far crescere la nostra attività”.

Quando Stoller e Schechter hanno aperto la loro prima sede, hanno speso tempo e denaro per l’imballaggio personalizzato e come rendere operativo l’asporto e la consegna. Poiché Stoller e Schechter stavano preparando l’attività per un volume elevato di cibo da asporto e consegna a domicilio, erano ben preparati quando è arrivata la pandemia e non hanno dovuto affannarsi per capire come farlo. Avevano sette o otto mesi di normali operazioni prima che San Francisco chiudesse a causa del COVID-19.

Gli affari sono decollati per Square Pie Guys e Stoller e Schechter hanno iniziato a cercare una seconda posizione nonostante le trappole di una pandemia. Dato che vivono a Oakland, è sembrato naturale aprire un ristorante lì e lo ha fatto nel marzo 2021.

Schechter ha detto che aprire un nuovo negozio durante una pandemia non è stato facile, ma il marchio aveva un playbook consolidato che avevano costruito per seguire. “E ‘stato uno sprint enorme”, ha detto. “Era tutto a portata di mano.”

Il menu

Square Pie Guys è un concetto guidato dallo chef con un menu che viene ruotato ogni trimestre. Ogni stagione vede un nuovo lato pizza, insalata e verdure di stagione.

Il più possibile viene prodotto in casa, compresi impasti, intingoli e salse per pizza e le ali vengono dragate e impanate in loco. Quello che non producono in loco lo acquistano localmente, come una marca locale di gelato.

fotografato da Melati Citrawireja. Fornito.

La sede di Oakland ha una licenza completa di liquori, mentre le unità di San Francisco e Ghirardelli Square vendono solo birra e vino.

La pizza ai peperoni è la più venduta ed è cotta in una padella da 8 pollici per 10 pollici. La pizza si chiama Six by Eight perché ha sei file in basso e otto file in tutto di salame piccante, per un totale di 48 salame piccante su ogni pizza che cuoce e brucia nel forno.

Square Pie Guys collabora spesso con chef locali o altri ristoranti per creare pizze collaborative che abbiano un aspetto di beneficenza per le vendite. Le pizze vengono cotte in un forno a gas.

“Facciamo alcune cose davvero divertenti e innovative in cima alle nostre pizze”, ha detto Schechter.

Alla domanda su cosa distingue Square Pie Guys dalla concorrenza, Schechter ha affermato che il marchio non è niente senza i membri del suo team e le persone che gestiscono i loro negozi. “La cosa che ci distingue davvero è che, ovviamente, amiamo tutti i nostri ospiti, li apprezziamo e amiamo vederli, ma il team è sempre al primo posto nel nostro libro e penso che questo ci permetta di crescere in modo sostenibile modo senza molto bruciare e agitare”, ha detto Schechter.

Square Pie Guys offre solo una pizza di dimensioni, 8 pollici per 10 pollici, per ridurre al minimo gli errori e non sono consentite sostituzioni e modifiche. “Se la nostra insalata ha la feta e non ti piace la feta, preferiremmo dirti di no in anticipo piuttosto che aspettare 40 minuti per la tua pizza e la tua insalata viene consegnata con la feta e sei arrabbiato”, ha detto Schechter .

Consegna di terze parti

Quello che non troverai da Square Pie Guys sono i conducenti di consegna. Il marchio utilizza società di consegna di terze parti per consegnare il cibo.

“È quasi impossibile per noi soddisfare il numero di ordini che attualmente facciamo per terze parti se dovessimo avere i nostri conducenti”, ha affermato Schechter. “Dovremmo avere un’enorme flotta di auto, autisti e persone sul libro paga, e questa è tutta la sua attività. Forse se fossimo in una città diversa e avessimo più attività gastronomiche di quelle che facciamo, forse potrebbe funzionare .”

Queste società di consegna di terze parti impiegano molte risorse, ore di lavoro e ore di ingegneria per capire come far funzionare la consegna. Perché non utilizzare il lavoro che hanno già svolto?

Ghirardelli Square, che ha aperto a luglio, è l’unico Square Pie Guys che opera a pieno regime. Gli altri due negozi sono ancora solo da asporto e consegna a domicilio.

fotografato da Melati Citrawireja. Fornito.

Piani di crescita futura

Nell’immediato, Schechter e Stoller stanno lavorando per assicurarsi che Ghirardelli Square funzioni senza intoppi. Nel nuovo anno, l’azienda prevede di girare a nord nella contea di Marin ea sud in Redwood City, San Matteo o Palo Alto, dove i giganti della tecnologia hanno i loro campus.

Dopodiché, l’obiettivo è guardare Seattle, Portland e Los Angeles.

“Vogliamo far crescere questo marchio”, ha detto Schechter. “Pensiamo che abbia il potenziale per essere un vincitore sulla scena nazionale. Abbiamo una buona idea di che tipo di immobili e che tipo di città funzionano per noi dal punto di vista demografico”.

Per ora, il piano è di crescere organicamente all’interno dell’azienda, ma non sono chiusi al franchising.

“Non lasciarti influenzare da tutto il rumore del mercato”, ha avvertito Schechter. “Rimani fedele a quello che era il tuo pensiero originale perché se inizi a cambiare le cose al volo per rendere felice un sottogruppo della tua base di clienti, insegui all’infinito qualcosa che non viene realizzato. Ma se conosci il tuo piano e conosci il tuo modello e hai una forte tesi sul perché dovrebbe funzionare, se ti attieni ad esso e lo commercializzi bene, ci sono buone probabilità che funzioni”.

.

Leave a Comment